Velocizzare WordPress in 8 passi

V

01) Plugin

Sono comodi, utili ma contribuiscono a rallentare il nostro sito. Il consiglio è utilizzare in via eccezionale 10 plugin e “fare pulizia” rimuovendo il superfluo. Quali sono i plugin da rimuovere ? E’ una domanda a cui è difficile rispondere. Possiamo rispondere suggerendo i plugin essenziali che sono quelli per :

  • creare la sitemap
  • generare i post correlati (senza thumbnail)
  • inviare i post su Twitter – Facebook
  • ottimizzare le immagini
  • “annientare” lo spam

I plugin che ci sentiamo di consigliare sono :

Evitate, se possibile, Disqus e IntenseDebate. Migliorano il lato social del vostro sito ma nascondono un “lato oscuro”, peggiorano i tempi di caricamento delle pagine. (facilmente dimostrabile con Pingdom Tools e/o altri servizi online).

02) Thumbnail

Diffidate da TimThumb preferendo la “generazione nativa” delle thumbnail in WordPress. Esiste una soluzione alternativa che abbiamo presentato qualche giorno fa. Offre il ridimensionamento immagini con cache riducendo enormemente il carico del server. Per info: La migliore alternativa a TimThumb ? Ridimensionamento immagini con PHP, Mod Rewrite e Cache. Contro ? La soluzione proposta non supporta il crop immagini..

03) Gravatar e Gadget

Gravatar è un servizio per la fornitura di un avatar. Su Gravatar, gli utenti possono registrare un account in base al loro indirizzo di posta elettronica, e caricare un avatar da associare all’account. Quando l’utente inserisce un commento su un blog che richiede l’indirizzo e-mail , il CMS (o plugin) verifica se l’indirizzo e-mail ha un avatar associato presso Gravatar. Se è così, il Gravatar viene mostrato assieme al commento. Gravatar viene supportato in modo nativo a partire da WordPress v2.5 ma nasconde come Disqus e IntenseDebate un “lato oscuro”, aumenta il tempo di caricamento delle pagine facendoci perdere preziosi punti su Google Page Speed. Provate ad utilizzare Page Speed Online prima e dopo aver rimosso il supporto Gravatar, notate dei cambiamenti ? I guadagni potrebbero essere superiori al secondo !

Ponete attenzione anche al numero di Gadget inseriti all’interno del vostro blog – sito web. Sono utili ma potrebbero appesantire, molto, il tempo di caricamento delle pagine. Provate a rimuoverli uno ad uno controllando i risultati di Pingdom Tools. Notate qualche miglioramento ?

04) Sprite

Controllate il CSS del vostro tema e provate a creare, qualora sia possibile, uno Sprite. Gli utenti del vostro sito web o blog vi ringrazieranno. Perchè uno Sprite ? Uno sprite riunisce tutte le nostre immagini in un’unica immagine velocizzando i tempi di carimento della pagina. Non ci credete ? Smashing Magazine ha realizzato nel 2009 un ottimo articolo che spiega e illustra i benefici dei CSS SPrite. Il consiglio è leggerlo, implementare un CSS Sprite e controllare attentamente i tempi di caricamenti del vostro sito web con e senza CSS Sprite. Per approfondimento: The Mystery Of CSS Sprites: Techniques, Tools And Tutorials

05) Compatibilità versioni precedenti di WordPress e “riduzione loop”

Controllate se il vostro tema ha codice che garantisce la retrocompatibilità con le versioni precedenti di WordPress. Eliminatelo e andate in cerca anche di eventuali “maree di if & else” riducendole “ai minimi termini”. Controllate anche il vostro “header & footer” sostituendo, quando possibile, eventuali tag wordpress con codice html. Perchè utilizzare bloginfo(‘template_url’); o bloginfo(‘url’); invece di http://www.miosito.com/wp-content/themes/miotemplate oppure http://www.miosito.com ? Queste e altre sostituzioni potrebbero alleggerire la vostra pagina e ridurre, forse, il tempo di caricamento.. A chi chiedere aiuto ? WordPress Codex e il forum internazionale di WordPress sono i vostri migliori amici !

06) Stringa di query nell’URL per risorse statiche

Avete acquistato un tema wordpress ? Controllate immediatamente header.php e andate in cerca della soluzione tramite cui vengono chiamati i CSS e file JS. Una stringa di query nell’url per risorse statiche (per l’appunto file CSS e JS) disabilita la memorizzazione nella cache di queste risorse. Cosa significa ? L’utente che carica più pagine di un sito web caricherà per ogni pagina il file CSS e JS in questione. Rimuovendo la stringa di query nell’url, il file CSS e/o JS verrà memorizzato immediatamente con ovvio beneficio del lettore – utente che vedrà un miglioramento nel caricamento della pagina. In basso potete vedere un esempio di stringa di query nell’url del CSS e JS.

Screenshot - Esempio query string

07) Unione e minimizzazione

Il vostro tema chiama in header.php diversi file js e css ? Iniziamo facendo il copia incolla del contenuto dei CSS in CSS Compressor selezionando Super Compact e Strip ALL comments. Sostituite il risultato al vecchio CSS. Ripetete il procedimento con i file JS recandovi su JS Compressor per minimizzarli. Armatevi ora di Notepad ++ e unite i file CSS in un unico foglio di stile. Ripetete il procedimento anche con i file JS creando un unico file javascript. Effettuate le dovute modifiche in header.php dopodichè l’utente che visita il vostro sito richiamerà un solo file CSS e JS. Ridurrete in tal modo il tempo di caricamento della pagina web.

08) Caching

Il caching è necessario, W3 Total Cache è il vostro migliore amico.

Conclusioni

Le soluzioni proposte richiedono tempo e pazienza ma i risultati saranno ottimi. Miglioreremo il tempo di caricamento delle pagina visualizzando, forse, cambiamenti in SERP …

Aggiungi un commento

Categorie

Seguici su

RSS Lavoro Stagionale