Polldaddy si aggiorna, arrivano i questionari web based, ulteriori features a pagamento

P

PollDaddy cambia, il noto servizio gratuito per l’inserimento di polls (sondaggi) all’interno di siti web o blog si aggiorna dopo il primo anno di vita giungendo alla “release 2”, le novità sono ghiotte ma, quella a cui sarà interessata la maggior parte degli utenti è la possibilità di includere questionari all’interno dei siti web. Maturità significa anche cominciare a monetizzare un servizio che è stato e rimane fondalmentalmente gratuito, ecco quindi affacciarsi agli account gratuiti quelli a pagamento. Collegandoci nella sezione SignUp notiamo infatti 3 diverse tipologie di account,

  • PollDaddy Free: E’ l’account base e rimane gratuito, possiamo continuare a creare sondaggi senza limiti da posizionare ad esempio nel nostro Blog, a questi c’è adesso la possibilità di includere dei questionari web based, il numero di domande che possiamo creare sono al massimo 10 mentre il numero massimo di persone intervistabili ammonta a 100. PollDaddy Free non consente l’analisi dei voti nei sondaggi, non possiamo quindi accertare completamente se parte dei voti sono fraudolenti come neppure la locazione geografica delle persone che hanno voluto risponderci.
  • PollDaddy Pro: Le features base rimangono quelle di PollDaddy Free, a queste si aggiunge la rimozione del linkback all’interno dei Polls e l’identificazione geografica, l’eliminazione del linkback a PollDaddy all’interno dei questionari, i nostri questionari web based possono essere sottoposti ad un massimo di 1000 persone mentre scompare la limitazione delle 10 domande.
  • PollDaddy Pro2: PollDaddy Pro2 è il pacchetto più completo ma anche il più salato, se l’account Pro costa 20 $ al mese, a questo sono da aggiungerci 79 $ se vogliamo disporre di un account Pro2. Le differenza tra il pacchetto Pro2 e PollDaddy Pro riguardano esclusivamente il numero di persone che possiamo raggiungere con i questionari web based, PollDaddy Pro consente d’andare a sottoporre le “Surveys” a sole 1000 persone, con PollDaddy Pro2 raggiungeremo 10000 persone mensilmente.

Ulteriori caratteristiche da segnalare sono il supporto per nuovi linguaggi, la possibilità di nascondere i risultati dei polls ai visitatori e l’esportazione dei risultati nei formati CSV, XML.

Chiunque ami le statistiche e desideri sapere e conoscere la provenienza dei propri lettori troverà estremamente utile le caratteristiche aggiuntive offerte degli account pro, offrono delle statistiche alquanto interessanti, sono utili per scoprire eventuali voti fraudolenti ma il costo da supportare è troppo alto rispetto la media. Nessun articolo ha ancora trattato il costo dei nuovi servizi offerti da PollDaddy ed è alquanto strano, Blog o Siti Web agli inizi è normale che non necessitino di un’account Pro o Pro2 ma siti che superano quotidianamente i 5000 visitatori unici difficilmente riusciranno a trovare soddisfacente un account free.

Cosa fare ?

Dopo una breve ricerca è stato apportato che non esistono servizi gratuiti o a pagamento che offrono l’analisi dei voti dei visitatori, tuttavia a fronte di un costo nullo o minore rispetto quelli di PollDaddy ci sono sw web based che semplificano la vita nel redarre questionari web based. Degli ottimi “Survey Replacement” sono offerti da i2 Services (costa 59$ , è altamente configurabile e necessita di Perl 5+) mentre chi non volesse spendere può optare per AskPeople, un buon prodotto rilasciato sotto licenza Commons Attribution-Share Alike 2.0 disponibile a questo url (se il nostro sito web supera i 5000 visitatori unici giornalieri si invita a lasciare una donazione per AskPeople).

Aggiungi un commento

By Matteo

Categorie

Seguici su