Chrome potrebbe sorpassare Firefox entro la fine dell’anno

C

Screenshot - StatCounter Chrome - Sett 2008 Ago 2011L’effetto neurotossico del veleno di Google Chrome ha un’azione molto marcata e agisce velocemente. Firefox, il secondo contendente nel settore dei Browser, potrebbe abbandonare il secondo posto entro la fine dell’anno cedendo il passo a Chrome. La retrocessione di Firefox potrebbe coincidere con lo stop delle contribuzioni dirette di Google, che in merito al contratto con Mozilla, versa ai creatori di Firefox. Mozilla Foundation e Firefox sono in pericolo ?

Chrome, il browser di Google, nasce ufficialmente il 1° Settebre 2009 e conquista dopo soli 30 giorni una quota di mercato dell’1%. Da allora, la corsa di Chrome, è stata sorprendente e capace di erodere preziosi punti percentuali ai competitori. Il vero successo lo si deve alle performance nel caricamento delle pagine web e all’aver implementato, con successo, la stessa idea che ha reso vincente Firefox, i plugin, software attraverso cui è possibile estendere le funzioni base del browser. Ulteriore idea vincente è stata integrare un lettore PDF e Adobe Flash player. L’internauta che utilizza il browser di Google è “libero dalla tirannia” di Adobe. Eventuali aggiornamenti e patch di Adobe Flash Player vengono integrate all’interno del browser.

I nuovi dati forniti da StatCounter, società irlandese che tiene traccia dell’utilizzo del browser utilizzando gli strumenti gratuiti di analisi integrati all’interno dei siti web, mostra che Chrome potrebbe prendere il secondo posto di Firefox (siede dietro Microsoft Internet Explorer) entro e non oltre dicembre. La quota di mercato attuale di Chrome è ferma attualmente al 23,6%, mentre Firefox si è attestato al 26,8%. IE domina, ancora, con una percentuale del  41,7%. I risultati sono straordinari.  La scalata di Chrome nel corso del 2011 è stata sorprendente: ha guadagnato otto punti percentuali rispetto a gennaio 2011, un incremento del 50%. Nello stesso periodo, Firefox è sceso di quasi quattro punti percentuali, un calo di circa il 13%, mentre IE è sceso di quattro punti. L’impressione è che Chrome stia raccogliendo tutte le defezioni da Firefox e IE oppure che la pubblicità di Chrome sparsa un pò ovunque nel web sia di successo.

Screenshot - StatCounter Global - Sett 2011

Se le tendenze accertate finora continuano fino alla fine dell’anno, Chrome sarà in grado di attaccare il primato di Firefox nel mese di novembre e l’eventuale sorpass0 potrebbe determinare una modifica del contratto che lega Mozilla a Google. Mozilla riceve milioni di dollari da Google per l’inserimento del box di ricerca e home page  Google.

Sono numeri e Statcounter non è l’unica azienda che fornisce statistiche. Net Applications segnala un divario molto più grande tra Firefox e Chrome ma, anche in tal caso, la tendenza è chiara. Chrome potrebbe superare Firefox entro la prossima estate.

Firefox è chiamato alle armi. Deve posizionarsi in Trincea, portarsi appresso i fucilieri e fare fuoco sul nemico rilasciando velocemente una versione mobile (nota: degna di tal nome) capace di competere con il browser di default di Android e una versione desktop rivoluzionaria in performance, aderenza agli standard e pulizia dell’interfaccia utente.

La missione non è di quelle impossibili.

Aggiungi un commento

Categorie

Seguici su